RSS

Archivi tag: evil overlord list

Dragon Trainer 1 e 2

Dragon Trainer

AVVERTENZA: L’articolo contiene spoiler e allusioni a fatti e personaggi che non vengono adeguatamente presentati. Consiglio la lettura solo a chi abbia visto almeno uno dei due film.

Io ho amato il primo Dragon Trainer. L’ho trovato e lo trovo ancora il più riuscito film di animazione 3D che abbia visto e uno dei pochi, se non l’unico, cartone occidentale capace di farmi commuovere senza dover far leva sui ricordi d’infanzia. In tempi non sospetti avevo anche scritto un commento a riguardo su una community di cinema, qui, con un po’ troppo entusiasmo, direi oggi.

Perché trovo Dragon Trainer 1 così bello? Tanti motivi, ma soprattutto per l’intreccio di conflitti che sorregge la vicenda e le fa prendere direzioni non banali. Si tratta di conflitti concreti e plausibili, ma soprattutto numerosi, variegati e fitti: sappiamo tutti, dalla nostra vita, che i momenti di maggior pathos sono dovuti al sovrapporsi di urgenze che prese una alla volta non sarebbero nulla di che e Dragon Trainer possiede una bella collezione di esempi sul modo in cui queste complicazioni possono verificarsi.
Il risultato è un paesaggio umano fatto di chiaroscuri, in cui fraintendimenti, imbarazzi, sfoghi e incomprensioni sono giustapposti a humor, leggerezza e tanta energia. Non c’è l’eccessiva drammatizzazione di alcune produzioni animate, ma non c’è neanche l’ingenuo idealismo di altre – e infatti non è un caso che i creatori di Dragon Trainer siano gli stessi di quel gioiello di parabola familiare che è Lilo e Stitch.

Potremmo dire che il primo Dragon Trainer parla del fatto che accettarsi per quello che si è raramente  basta, perché è necessario che anche gli altri lo facciano, e accettare senza capire è difficile perfino in famiglia. Perchè la comprensione possa avvenire è necessario venirsi incontro e combattere pregiudizi che, se non proprio senso hanno almeno una funzione e una storia, e quindi sono resistenti. Ma non è tutto perché uscire allo scoperto tende a generare invidie, aspettative e responsabilità. E se è vero che la vicinanza di un compagno fedele può permetterci di superare insicurezze e ostacoli, da tale vicinanza non possono che derivare preoccupazioni, sospetti e pericoli. Insomma ogni soluzione genera altri problemi, che pretendono provvedimenti che a loro volta produrranno complicazioni; ed è così per tutto il film, che risolve il loop in una maniera così drastica che qualcuno potrebbe considerare il termine happy ending inadatto a descriverlo.
Dragon Trainer è un film pieno di “ma”, di “anche se”, di “forse era meglio” e di “se solo”, esattamente come la vita vera e per questo a parer mio è così bello. I dettagli scenici, le trovate registiche, l’umorismo un po’ nerd e la spontaneità dei personaggi aggiungono ulteriore valore.

Dragon Trainer 2Mi rendo conto solamente ora quanto sia stato un errore metterne in programma un seguito sull’onda del successo di critica e di pubblico. Il primo Dragon Trainer era così ad orologeria, così giusto e completo che non rimaneva un granchè da dire sui personaggi, sulla loro maturazione o sui loro drammi. Alla fine del film Hiccup si rendeva conto che la sua diversità poteva essere costruttiva e perfino complementare alla forza dei suoi compagni; Stoic dopo mille scivoloni riusciva a scendere a patti con il proprio orgoglio e a considerare un modo diverso di vedere i draghi; Astrid imparava a fidarsi; i ragazzi riuscivano a mettere da parte la loro litigiosità a favore del lavoro di squadra; Sdentato accettava lo stato di co-dipendenza con il proprio cavaliere. Non c’era davvero nient’altro di importante da dire: i drammi si erano sciolti, i compromessi stabiliti e la situazione per quanto non idilliaca funzionava meglio di prima perché i protagonisti erano arrivati a capirsi. Cosa succede quando ci si mette a scrivere un nuovo capitolo di una storia bella conclusa e sigillata? Succede che in parte per pigrizia, in parte per paura di prendersi dei rischi, in parte per carenza di hook alla vicenda passata, si fa una brutta copia del punto di arrivo del film precedente (per mezz’ora), si introducono degli elementi di disturbo che non hanno uno scopo preciso (seconda mezz’ora) e poi si va chiudere più frettolosamente possibile in maniera che nessuno si accorga di aver visto una cosa che non ha ne capo ne coda (ultima mezz’ora).

Infatti è andata proprio così. Tutta la prima parte di Dragon Trainer 2 non fa che ribadire concetti che erano già stati affrontati (come il senso di libertà prodotto dai draghi) e riproporre timidamente conflitti già risolti (responsabilità contro intraprendenza ad esempio). Va a finire che:
– Gli amici di Hiccup si riducono a sagome comiche, che peraltro ripetono le stesse gag a oltranza;
– Astrid perde tutta la sua profondità, diventano una specie di Mary Jane dei poveri, con 15 minuti di screen time, un po’ passati come spalla, un po’ come donzella scema;
– A Stoic va ancora peggio, perché il suo comportamento arriva a contraddire la maggior parte delle cose interessanti che si erano imparate su di lui nel film precedente, come l’imbarazzo per il figlio e il carattere inflessibile ma emotivamente impacciato. Il suo nuovo ruolo di padre modello è ridicolo quasi quanto la santificazione strappalacrime cui ci tocca assistere verso il finale: Il rude vichingo che fa fatica a scendere a compromessi e ad accettare un figlio mingherlino non può essersi trasformato in un romanticone tutto premure in un paio d’anni, dai!
– Il rapporto tra Hiccup e Sdentato, che nel primo film è così intenso e imprevedibile qui sembra ridursi ad un ridondante tentativo di manovra aerea inutile quanto pericolosa. Per il resto il ragazzo se ne sta imbambolato per metà film mentre il drago fa le fusa o si trasforma in super sayan, a differenza di quel che serve.

Cosa dire dei due personaggi nuovi? La madre di Hiccup prometteva quasi bene con il suo sproporzionato senso di colpa se non fosse che bastano pochi minuti a rendersi conto che il suo atteggiamento vittimista è stato messo lì solo per nascondere una voragine di sceneggiatura – il fatto che lei in 20 anni non si sia più fatta rivedere a Berk. Anche qui, conflitto fantoccio che non porta a niente ed è l’ombra degli attriti di Dragon Trainer 1. Tra l’altro la madre riesce ad essere ancora più sdolcinata e appiccicosa dello riscoperto metrosessuale Stoic visto che non fa altro che baciare e abbracciare un Hiccup che in effetti più che starsene imbambolato a farsi stropicciare non può nulla. È la sagra del buonismo spinto, delle frasi fatte e degli slogan da oratorio. “La risposta è dentro di te!”, “Eri destinato a portare a termine quel che io avevo cominciato!”, “Il vero potere deriva dalla fiducia non dalla paura…”. Dai cazzo. DAI CAZZO. Fino all’ultimo ho sperato che si trattasse di gioco di prestigio che sarebbe culminato con la rivelazione che invece il mondo non è fatto di peluches ma piuttosto di delusioni e fraintendimenti. E invece no. Nel mentre i draghi fanno le fusa e facce buffe.

Vogliamo parlare del cattivo, ossia del personaggio che dovrebbe reggere la seconda parte del film? Non fa paura, non fa pena, non fa ridere, non mette tristezza. È un beota che sottomette i draghi calpestandoli o assoggettandoli con un drago più cazzuto che non abbiamo idea come abbia fatto ad ammaestrare… per cosa? Perché è stato menomato da giovane? Sì… ma anche no! Non si capisce. Non ha un piano, non ha dei desideri chiari, non ha emozioni precise e neanche espressioni facciali che vadano al di là di un ghigno beffardo che neanche il mago Forrest. E poi non ho mai visto infrangere a un personaggio più regole della Evil Overlord List in così poco tempo, e va bene i bambini non conoscono l’Evil Overlord List e tutti noi da piccoli abbiamo visto una montagna di film spazzatura in cui il Male in persona si fermava a rispondere alle domande da asilo del protagonista e non siamo cresciuti così storti. Sarà un battesimo del fuoco, ma allora se il livello di scrittura del seguito che vuoi per forza fare di Dragon Trainer, cara Dreamworks, è quello di Basil l’investigatopo 3 in videocassetta, distribuiscilo solo per l’home video così noi adulti non ce lo cucchiamo.

Penso che l’operazione DT2 sia stata un bluff non molto diverso da UP: target delle elementari ma elementi in grado di attirare, e perfino ingannare, uno studente universitario. Nel caso di UP la chiave di volta fu la tanto conclamata poesia visiva, nel caso di Dragon Trainer 2 gli straordinari precedenti narrativi del capitolo 1. Sono stato fregato per la seconda volta, spero che non accada di nuovo.

4177257403_07c452dc63

 

Voto DT1: 8/10
Voto DT2: 3/10

 
Lascia un commento

Pubblicato da su 8 settembre 2014 in Animazione, Avventura, Fantasy, Teen

 

Tag: , , , , , , , , , , ,