RSS

Dunkirk

30 Gen

Senza tdsggitolo-1

Dunkirk è un’esperienza sensoriale abbastanza unica: visivamente, perché è girato e fotografato in maniera iper naturalistica, ma soprattutto uditivamente. Uno dei migliori reparti sonori di sempre. Ti sembra di essere lì, a Dunkirk. Altra cosa notevolissima è che il nemico non ha volto, il nemico è la guerra, è la morte – non i nazisti. Sembra quasi il racconto di una catastrofe naturale, inevitabile e inarrestabile. In questo ricorda molto i romanzi di Kurt Vonnegut, e non si tratta di una chiave di lettura banale, ma anzi è molto ricercata.

Ci sono anche punti deboli, come il solito fatto che Nolan, nella sua missione estetizzante, si dimentica ancora una volta che gli uomini vomitano, sanguinano, piangono e tutte queste cose amene. Specie in guerra. In generale Dunkirk rimane un film freddo, perché Nolan è un regista freddo e anche se prova a non esserlo non ci riesce.

Nonostate tutto ci troviamo comunque di fronte ad un’opera molto distante dai canoni hollywoodiani. Un’opera rarefatta, contemplativa, autoriale. I film con queste caratteristiche non possono essere tanto sezionati e discussi, ma vanno presi così come sono. Come i quadri. Ecco, Dunkirk è un quadro molto personale che vale la pena vedere.

Voto: 8/10

Annunci
 
Lascia un commento

Pubblicato da su 30 gennaio 2018 in Guerra

 

Tag: , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: